Michele Ghiotti – Bocche che non sanno stare chiuse

Eron, “Forever and Ever, nei secoli dei secoli”,
 pittura spray, 2010, San Martino in Riparotta (Rimini)


“THE ROMAGNOLO WAS LACKING”

Terra di teste eccentriche, di smanie nello sguardo, di sangue bulicante. Cuori irregolari, bestie rare. Mattoidi, avrebbe forse detto Lombroso. Cervelli fosforici, iperattivi, sempre in gestazione.

Insomma terra di poeti.

Censirli, anche solo contarli, sarebbe un’impresa. Specie per gli ultimi anni, che hanno visto emergere non pochi validi poeti, giovani e giovanissimi.

Per forza di cosa, quindi, questo articolo si limiterà ad aprire una breccia – anzi una crepa.

Infatti, in qualunque modo la si cerchi di agguantare, la materia sguscia via come un’anguilla di Comacchio, si imbosca con furia cinghialesca o sparge ovunque i suoi aculei di istrice. L’alta concentrazione di autori e la loro irriducibile eterogeneità sconsigliano qualunque tentativo tassonomico.

La possibilità di assestare un primo colpo di machete nella boscaglia, tuttavia, ce la offre Pound. Si tratta certamente di un appiglio arbitrario, ma suggestivo. Così l’alfiere del modernismo inizia il trentottesimo dei suoi labirintici Cantos:

And God the Father Eternal (Boja d’un Dio!)
Having made all things he dc
think of, felt yet
That something was lacking, and thought
Still more, and reflected that
The Romagnolo was lacking, and
Stamped with his foot in the mud and
Up comes the Romagnolo:
    «Gard, yeh bloudy ’angman! It’s me.»
Il Padreterno (Boja d’un Dio!)
Fatta ogni cosa saltatagli
In mente sentì
Manca ancora qualcosa
E pensandoci s’accorse
Mancare il Romagnolo.
Pestò il piede nel fango
E fuori saltò il Romagnolo:
    «Dio boja, eccomi qua.» (Ezra Pound, Cantos XXXVIII 1-9)

Di seguito i versi di Aldo Spallicci (1886-1973) rinnovati e ricuciti dal rapsodo americano:

E’ Signor, fat e’ mond, e’ va un pô in zir
e cun San Pir e’ pasa dó parôl;
e intant ch’j è int una presa, u i fa San Pir:
«La Rumagna t’l’é fata, e e’ rumagnôl?
U i vô dla zenta sora a sti cantir,
t’a n’vré zà fé la mama senza e’ fiôl?».
«Me a t’e’ farò, mo l’ha dal brot manir,
e a j ho fed ch’u n’gni azuva gnianca al scôl!».
E’ dasé ’d chilz par tëra cun un pè
e e’ fasé saltê fura ilè d’impët
e’ vigliacaz de’ rumagnôl spudé.
In mangh ’d camisa, svidurê int e’ pét,
un capalcìn rudê coma un fator:
«A sò iqua me, ciò, boia de’ S… !».
Il Signore, fatto il mondo, va un po’ in giro
e con San Pietro scambia due parole,
e mentre sono in un podere, gli fa San Pietro:
“La Romagna l’hai fatta, e il romagnolo? Ci vuol gente sopra questi campi,
non vorrai mica fare la mamma senza il figlio?”
“Io te lo farò, ma ha brutte maniere,
e credo che non gli giovi nemmeno la scuola”. Dette un calcio per terra con un piede
e fece uscir fuori lì dirimpetto
il vigliaccaccio del romagnolo sputato. In maniche di camicia, sbottonato sul petto,
un cappellaccio a ruota come un fattore;
“Sono qua io, allora, boia del S….!” (Aldo Spallici, E’ rumagnùl)

Da qui partiremo.

Dalla sacralità tutta profana, dal barbaro vitalismo, dalla concretezza visionaria. Dalle mani che non sanno stare ferme, dalle bocche che non sanno stare chiuse. Ma anche – è il rovescio della medaglia – dalla maschera dannata, dall’indole ferina, lunare.

Insomma dall’individuo che rivendica e proclama spudoratamente la sua esistenza:

La storia del mondo è la storia di temperamenti in contrapposizione. […] La civiltà moderna proviene dall’Italia, dall’Italia del Rinascimento [innanzitutto la Rimini di Sigismondo e la Romagna del Valentino – N.d.A.], la prima nazione che ruppe con il dogmatismo aquinate e proclamò l’individuo; rispettò la personalità. Questo brilla ancora nel «Così son io!» [Cfr. il poundiano-spallicciano “«Gard, yeh bloudy ’angman! It’s me.»/«Dio boja, eccomi qua.»”] dell’italiano comune quando gli viene chiesto il motivo delle sue azioni.

(Ezra Pound, Provincialismo, il nemico, 1917)

Lo si farà senza pretese di oggettività o sistematicità, nel tentativo – per forza di cosa riduttivo e parziale – di indagare in poesia quella che è forse la più evidente e peculiare fra le tante anime delle Romagna. Quella di cui il Padreterno, quasi desideroso di creare il suo bestemmiatore (la sua nemesi in miniatura, folletto-demiurgo che gli tenga testa in quanto a cosmogonie, rovesciamenti e diluvi universali), sente prepotentemente la mancanza. Quella di cui il mondo intero, sembra suggerire l’Omero del Novecento, patisce l’assenza:

The Romagnolo was lacking.

UN PROFANO “FARE SACRO”

Laggiù nel crepuscolo la pianura di Romagna. O donna sognata, donna adorata, donna forte, profilo nobilitato di un ricordo di immobilità bizantina, in linee dolci e potenti testa nobile e mitica dorata dell’enigma delle sfingi: occhi crepuscolari in paesaggio di torri là sognati sulle rive della guerreggiata pianura, sulle rive dei fiumi bevuti dalla terra avida là dove si perde il grido di Francesca: dalla mia fanciullezza una voce liturgica risuonava in preghiera lenta e commossa: e tu da quel ritmo sacro a me commosso sorgevi, già inquieto di vaste pianure, di lontani miracolosi destini: risveglia la mia speranza sull’infinito della pianura o del mare sentendo aleggiare un soffio di grazia: nobiltà carnale e dorata, profondità dorata degli occhi: guerriera, amante, mistica, benigna di nobiltà umana antica Romagna.
(Dino Campana, La Verna, Ritorno.)

Sin dai Canti orfici di Dino Campana, c’è in non pochi autori romagnoli, come del resto in molta poesia contemporanea, la ricerca di una sacralità premoderna, ancestrale, pagana. Una sacralità che non di rado – come suggerisce l’ambiguità del termine latino saceraffonda le sue radici nel profano, nello sconsacrato, nel quotidiano.

Eminentemente religiosa la poesia di Rosita Copioli (Riccione, 1948), foriera di uno sguardo e di una voce che scelgono e legano – il richiamo alla radice di religio pare quanto mai appropriato – nomi, icone e misteri (da intendersi ovviamente in senso tecnico rituale) del vissuto, della storia, della tradizione filosofica, esoterica e artistica. È una poesia tutta moderna e insieme tutta antica, innervata da una favilla sacerdotale, druidica, eppure mai anacronistica. Una poesia musiva, bizantina, che non teme l’astrazione, le forme ieratiche, marziali, eteree, l’ornamento (mai forma vuota, sempre forma mentis). Una scrittura che, dall’esordio del 1979 (Splendida lumina solis, Forum) fino a Le acque della mente (Mondadori 2016), passando per Il postino fedele (Mondadori 2008), non teme di confrontarsi con la preziosità dell’oro, lo splendore icario del sole, e l’altisonanza di un dettato solenne. Così in Beltà, riluce la sacralità del profano: “tutto ritorna”, nietzschianamente, irrompono sinestesie e corrispondenze, “dietro le siepi” si accendono “gli occhi dei nostri paradisi”, il tempo si fa concreto e vivo come lievito (“l’anno fermenta nelle case”). Animata da un’istanza alchemica, che respinge ogni reificazione, la parola non arretra di fronte all’enigma, ma vi si presenta davanti nuda e senza falsi pudori. Ne deriva una sorta di caleidoscopico sincretismo in cui si incontrano fiamme pentecostali, la “vite frondosa” di Bacco e il satori buddista (“una stagione non nata, la stagione che non / volge né ritorna, il passo senza misura / di anno senz’anni, e semprevivi”).

Guarda, tutto ritorna, anche i segni nel muro
e dietro le siepi gli occhi dei nostri paradisi
senza ragione d’esserci volgono a tornare,
ritornano per non dimentica, quanto trae
ciascuno il suo piacere – e adspice:
anche se a me tuttavia: perché la sera volge,
e l’anno fermenta nelle case, e si dispongono tutti
ad uscire i ragazzi sulle strade, e scendono tutti
per il loro amore: chi si guarda e chi, fuori
del buio, nella luce si prende e gli occhi
puntati nel cuore della luce: il silenzio
brillante della luce, l’ascolto.
Chi non si è accorto che non c’è tregua,
e che incessante brucia, ciascuno a suo piacere.
Così, dopo che ha visto, ciascuno la sua luce,
brucia la propria insania nell’ombra, e riesce,
nel lucore, come vite frondosa.
Mentre parliamo il silenzio volge nella sera
et sol crescentes descedens duplicat umbras:
e tuttavia brucia, e richiama
una stagione non nata, la stagione che non
volge né ritorna, il passo senza misura,
di anno senz’anni, e semprevivi,
piante perenni, che come succhia il tempo
le sue linfe gonfie si gettino al rigoglio
dell’amore che brucia.

(da Splendida lumina solis.)

Liturgica, sebbene in senso diverso, è anche la poesia Mariangela Gualtieri (Cesena, 1951), che proviene dal teatro e al teatro ritorna. Un teatro inteso in senso religioso, alla maniera greca, come spazio pubblico (circolare, comunitario, consacrato), altare di un’interiorità collettiva, dove la parola, amplificata dal suo legame viscerale con il suono, la musica, il gesto e la danza, si fa vaso di un pensiero in grado di ospitare l’alterità. Rito sonoro, bagno acustico, immersione battesimale che rende possibile il dialogo fra il dire ispirato del poeta e l’ascolto ugualmente ispirato del pubblico. “Rito è in fondo una manovra che carica i simboli”, afferma la Gualtieri, “e in questo caso i simboli sono le parole.” Maneggiare simboli, quindi, sporcarsi le mani, tracciare segni. Insomma poesia come pomerio, come geometria della rivelazione, perimetro sacro e insieme calpestabile. Non un “essere sacro”, ma un “fare sacro”, con tutta la portata concreta e pragmatica che il fare porta con sé.

Ne sgorga uno slancio vitale spudorato, evangelico, che non fugge il lato dionisiaco, violento e capovolgente, dello stare al mondo:

Anch’io voglio tutte le sbandate
essere viva fino allo scortico
essere tavolo pietra bestiale essere
bucare la vita coi morsi
infilare le mani in suo pulsare
di vita scavare la vita scrostarla
sfondarla spericolarla battermi con lei fino
ai suoi sigilli.
Per amore – per amore – tutto per amore.

(da Solenne, Fuoco Centrale, Einaudi 2003).

Tutta la poesia della Gualtieri è un continuo cantico creaturarum (ma anche creatorum et creationum), che scova e ritrae le anime animali e vegetali dell’uomo, in forma “di cagna, di passero stanco, di bruco, di mosca” (da Canto di ferro, Paesaggio con fratello rotto, Luca Sossella, 2007). Che osserva, dettaglia e ripete le operazioni di artigiano con cui si mette mano alla vita interiore.

Accanto alla pulsione mammifera e cacciatrice-raccoglitrice, c’è un sentimento pagano, di villaggio (pagus appunto), gentile (anche nel senso etimologico di gens – si pensi alla raccolta d’esordio Antenata, Crocetti, 1992). Sentimento di focolari (e Lari), di tana, di utero, di membrana cellulare:

Certi alberi vicini alle case
sostano in una pace inclinata
come indicando come chiamando
noi, gli inquieti, i distratti
abitatori del mondo. Certi alberi
stanno pazientemente. Vicini
alle camere nostre dove gridiamo
a volte di uno stare insieme
che ha dentro la tempesta
noi che devastiamo facce care
per una legge di pianto.

(da Naturale sconosciuto, Bestia di Gioia, Einaudi 2010.)

Sacrale, di una sacralità concreta, giornaliera, indissolubilmente legata ai genii locorum (e qui i loci sono innanzitutto quelli d’entroterra riminese) e ai penates (nel senso etimologico di penus, “nutrimento, provvista”), è la poesia di Luca Nicoletti (1961, Riccione). Ideatore e curatore di letture, mostre e rassegne, ha pubblicato tre raccolte di poesia: L’essenza del mosaico (Pazzini, 2006), Comprensione del crepuscolo (Passigli, 2015) e Il paese nascosto (Italic Pequod, 2019). Il fuoco di Vesta su cui Nicoletti arroventa la sua penna è l’intima connessione tra parola e immagine, testimoniata dalla madre Rosita, fotografa, e praticata con laboriosità benedettina in un continuo esercizio di illustrazione, da intendersi come lustrazione, ovvero purificazione, decantazione, chiarificazione del sentimento, del pensiero e del ricordo:

Gennaio pare ritagliarsi, in via definitiva
l’immagine distesa sulla luce chiara
che ci accoglie, senza grandi clamori,
in una sensazione meridiana ritrovata
nella stessa distanza, la piccola vista
parziale, e consumata, di questa finestra.
Le intermittenze dell’albero di Natale, fino
a ieri, ci avevano portato su un sentiero
diverso, l’attento monolite dello spazio
famigliare inventa di continuo espedienti
per non farci pensare alle vere oscurità
del bosco. Il breve periodo del dopo
albero è cominciato, e questo calmo
silenzio anticipa l’avvento di una luce
diversa, le ombre giganti si accorciano
di giorno in giorno, il loro mondo
orizzontale adesso ha fretta.

(Da Il paese nascosto.)

È un senso del sacro che, come si vede, sgorga dal fontanile dell’esperienza personale, della dimensione domestica e del paesaggio (urbano e naturale), ma in un’ottica postromantica che attraversa Pascoli e, per così dire, lo “aggiorna”, alla luce della frammentazione accelerata dell’io e del mondo di oggi. Sacra è infine, per Nicoletti, “un’idea umanistica e civile della vita e della storia [e ovviamente della poesia e dell’arte – N.d.A.], proprio quella che pare oggi così compromessa nel mondo contemporaneo” – così Giancarlo Pontiggia nella prefazione all’ultima raccolta – “in una prospettiva di domestica chiarità e di umile verità del cuore, senza nondimeno dimenticare quella cifra di ulteriorità, di indecifrabilità della condizione umana.”  

Sacra, ma decisamente più notturna, ctonia, sospesa nella penombra di rito psicopompo, è la voce di Martina Abbondanza (1993, Cesena – Il giorno tutto, Landolfi 2016; Le ombre sanno esattamente dove stare, La Vita Felice, in uscita). Con i suoi versi asciutti e taglienti come un’alba nordica, sillaba oracoli che chiedono di essere inverati. Animata da un’inquietudine luziana, si muove senza timore, con una fredda pietas, fra “le ombre che non hanno obbedito”. Ombre limbicole, pagane, intrappolate nell’attesa di una redenzione che sembra continuare ad attardarsi. E intanto prosegue la ricerca di una parziale ma irrinunciabile salvezza negli sprazzi veridici del quotidiano, quando, finalmente individuata, una particola di realtà si staglia contro i giorni falsi e bugiardi. La Abbondanza inaugura una mantica dell’ombra e dell’amore che vuole tenere insieme la fragile materia dell’esistenza e i desideri per lungo silenzio fiochi che portiamo dentro. Come Proba, prima poetessa cristiana, che nel suo centone virgiliano chiese ai versi del propheta nescius di cantare un epos evangelico, così la Abbondanza non desiste dal tentativo di tradurre “i lamenti / delle anime che non riescono a passare”.

Non ho imparato a tremare
come si deve.

Io so il tuo fianco
andare via al mattino
tra i fiori finti nei vasi.

Certi amori devono stare
nel buio dei portici
ma poi ritornano,
senza stagioni.

(da Il giorno tutto)

Infine sacrale, di una sacralità oceanica, taumaturgica, junghiana, è la poesia di Ivonne Mussoni (Rimini 1994), che dopo l’esordio con la plaquette A un quarto d’ora d’universo (Heket, 2013) ha pubblicato per Giulio Perrone La corrente delle cose ultime (2017) e Sirene (2021).

La sua è una scrittura che non teme di confrontarsi con i grandi temi del destino, della perdita e della conoscenza né con gli archetipi mitologici e antropologici. È una poesia duplice, ibrida, che mescola natura umana e animale, terrestre e marina, celeste e infernale, luce e ombra, sacro e profano:

Eravamo quasi donne
nel poco che mancava
lucertole, uccelli, meduse,
tempeste,
orsi e serpenti.
La cosa più vicina
all’essere perfette.
Era quel drastico esserne vicine
a farci sentire più forte il bene
e così il dolore,
a qualcuno è permesso l’inciampo del petto

l’errore

ma a quelli di tutta altra specie
più lontani dal silenzio smisurato dei fondali.

(da Sirene.)

Una poesia che non nega il lato abissale, vertiginoso della realtà, ma che sente la necessità di fecondare questo buio con la luce e l’aria del canto e dello sguardo

C’è una prima colpa nel perdere
la propria giovinezza,
quella colpa per sempre ci somiglia.
È tutto un ripetersi il resto
da lì si lascia andare ogni cosa,
le gambe, le mani
tranne la voce più forte di prima
per dire, alla fine, perdono,
chi siamo.
(da Sirene.)

Michele Ghiotti (23 novembre 1989) è nato a San Marino, dove vive e insegna Lettere al Centro di Formazione Professionale. Suoi versi sono stati selezionati dallo scrittore e poeta Davide Rondoni per il concorso In che verso va il mondo e dal poeta e critico milanese Maurizio Cucchi per La bottega di Poesia de «La Repubblica» (ed. Milano). Sulle riviste «Crack», «Carie» e «Retabloid» sono apparsi due suoi racconti brevi, Diario metempsicotico e A volte l’aria è più solida del cemento. Recentemente ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie Preistoria primavera (Italic Pequod, 2021)

Sofia Fiorini – Quattro quartine

Ci sono cose che ispirano gioia
col solo compiersi della natura.
Vorrei fare come vola un uccello –
avere quel sentore di creatura.


*


Come lucertole che abbiano
perso la coda dall’eternità –
come il fantasma di noi stessi
presentiamo la divinità.


*


Ma la cosa più difficile
è amarci lontani –
sentire che in me hai riposto
un tesoro con le tue mani.


*


Anche all’ombra delle nostre ferite,
nel punto cieco delle cicatrici
– non solo sdegnando gli dèi –
si impara occultamente la magia.

Sofia Fiorini è nata a Rimini nel 1995 ed è laureata in Italianistica all’università di Bologna. La logica del merito (Interno Poesia, 2017. Premio Violani Landi sezione Poeti Inediti, finalista al Premio Rimini, finalista al Premio Solstizio Opera Prima 2018, secondo premio al Premio Prato 2020) è il suo libro d’esordio. Suoi testi sono inclusi nell’antologia Abitare la parola. Poeti nati negli anni Novanta (Ladolfi, 2019, a cura di Eleonora Rimolo e Giovanni Ibello). I testi qui presentati sono tratti dal libro inedito La ferita magia.

Arianna Vartolo – Inediti

Conservo la Siviglia dei tuoi sogni:
quella della luce in piazza, nei luoghi
noti – solo da toccare ancora.
Natale e meta del nostro essere
nudi e bambini
tra queste bolle di sapone; rimaste

in tasca.


*


A volte il cibo ti sembra avere
lo stesso sapore dello sperma; il che – pensi
conferma il tuo credo del durare
del seme, del tempo al culmine delle cose.
L’alimento che passa
e bussa sulla lingua a reclamare
la propria forma di stato eterno. Intanto è giorno
e tu rimani con le gambe poggiate alla ringhiera
di quell’unico spazio esterno
che riesci al momento ad abitare.
Continui a masticare in un impasto
denso di sensi di resti di semi rimasti tra i denti
che cerchi in ogni modo di levare. Basterebbe lavarli lavare
ciò che si ancora vicino all’angolo del mento.

Ciò che resiste sulla parte della bocca
che la tua mano ancora tocca a memoria.


*


Voglio giocare a farti
venire avanti – e indietro per un
passo; solo a toccarti
la punta del naso con fili

d’erba bruciata. Agosto
è il tempo dei fantasmi: ogni ombra
ha forma storia posto

qui: noi ne sentiamo la pelle.


*

Hai scavato con i denti il letto dell’unghia
quasi fosse della fossa
il simbolo stretto nel solco dell’ultima terra.
Senti intanto detto il tuo nome al reparto
surgelati: richiamato all’attenzione, eri entrato
solo a comprare funghi – a cercarli
immolati per la cena. Ti ritrovi al contrario distratto
nella degna anticipazione del lutto:
                                            la tua carne a contatto
                                            con gli strati proliferati di spore e miceti.


*


E nel tuo tiepido farti
lattea simile alla consistenza
del riverbero oltre quella finestra

mi chiedi com’è quando parti;
e dei ritorni mi sveli il segreto
– tu; ché io posso solo rispondere

come unico il mare, amuleto
degli uomini, si stenda sulle terre
vergini – tra la luna e il nostro senso.


Arianna Vartolo è nata nel 1998 a Roma, dove vive. Studia Lettere Moderne all’Università “La Sapienza” di Roma. L’aiuto a non morire (Cultura e Dintorni Editore, 2019) è la sua opera prima in versi. Compare anche nell’antologia Abitare la parola: poeti nati negli anni Novanta per Giuliano Ladolfi Editore (2019). Di lei è stato scritto, tra gli altri, su ClanDestino, Pangea, Laboratori Poesia. Alcuni suoi inediti sono apparsi su riviste cartacee e online tra cui Atelier e Inverso.

Luca Gamberini – Inediti

Ziznatic – I

Stracci di mare
rosso di tuorlo giallo burdela
Marino protegge dal verde
il canale,
………………. dammi una piada che
possiamo fare l’amore.


*


Ziznatic – II

In un lenzuolo di sabbia
ho il mare addosso.

Abbaiano tra castelli e secchielli
cani scappati
sul canale
porto, attratti dai fritti.

Gli amorazzi sono imperlati di sudore
mentre i pescatori annottano.

Ogni vela è una quiete di mondo.

Luca Gamberini, Bologna, 21 Aprile 1986, vive a Corticella, formazione umanistica presso l’Università di Bologna – Lettere Moderne (2008), Italianistica (2010), Storia Medievale (2014) – bancario nel quotidiano, scrittore, poeta (“NeoKlassico”, 2014; “Un etto d’amore (Lascio?), 2018) autore di monologhi per il teatro (“Tra Venere e le Sirene”, Teatro degli Angeli, 2018).
Ideatore del marchio #PoesiaEspressa®, performance legata alla scrittura istantanea di poesia con la Olivetti Lettera22 che utilizza abitualmente per comporre, si è esibito in diversi musei, gallerie e fiere sia di arte contemporanea (Mambo Museo Arte Moderna di Bologna, Paratissima Art Fair , Galleria, De’ Foscherari, Museo dell’Arte Moderna di Roma, Museo Civico Medievale di Bologna, Museo Civico Archeologico di Bologna, Ferrara Buskers Festival) che librarie (Salone Internazionale del Libro di Torino, Book Pride Milano, BookFest Pisa, Buk Modena, Libreria Acqua alta di Venezia, Grande Libreria Hoepli Milano). Durante i mesi del lockdown ha ideato la serie “Stilemi”, 20 #PoesieEspresse® a confine tra poesia e illustrazione. In primavera, è uscito Pensa che cretino che è l’amore per Mondadori.

Pietro Edoardo Mallegni – Inediti

Senza titolo 3

Ancora, porto
il buio di fronte
ai miei occhi.

Lacrima al tempo,
fama, il taglio,
incide la sabbia
di questa spiaggia,
il cui mare
sfocia nelle mie
piccolezze.

Ed il male che sento
è eco del vostro silenzio,
è riflesso del macabro.

Nelle risacche
dei vostri sorrisi,
provo ad affogarmi:
in bocca solo la sabbia
ed il sale del mio tempo.


*


Anniversario

Sorge dalla terra,
il tempo per negarsi
il tutto della vita.

Si deprime il pensiero,
demoliscesi l’anima.

Ed è meraviglia,
questo eterno dolore.


*


L’inno dei giovani suicidi

Occhi a terra,
promessi,
all’inferno dai cieli neri;
vampiri d’emozioni,
ci proviamo a chiamare;
e come i deboli, delle menti,
solo amaro possiamo donare.

E Dio, ancora,
tarda a spiegare,
annichilitosi, tra le nuvole,
sperar, sembra
che, l’affitto d’una vita,
lo si debba pagare.

I piccoli rigagnoli,
d’acqua, si vadano,
a macchiare sulla terra,
provando a colorare.

Ignare crescono le rose,
sulle nostre carogne
e veda l’uomo,
che qualcosa sapremo amare.

E i nostri fiati,
all’inferno sulle candele,
vadano a buffare,
peggio della vita,
neppure la dannazione,
può sembrare.

Pietro Edoardo Mallegni è nato a Carrara il 1 luglio 1995. Fin da piccolo nutre due grandi passioni: la cucina e la scrittura, amori che lo porteranno a intraprendere professionalmente la strada del cuoco e più marginalmente quella dell’appassionato scrittore di poesie. Nel 2013 ha pubblicato con la casa editrice Marco del Bucchia la sua prima raccolta, intitolata Il dedalo in me, nello stesso anno vince il premio “Michele Mazzella” con l’atto unico Geshua e il crollo dell’io, due anni dopo pubblica un’altra raccolta intitolata Il Dio Dada. Dal 2014 inizia a viaggiare per lavoro entrando in contatto con le grandi e lussuose cucine dei grandi alberghi, in uno di questi ha conosciuto Giulia la sua compagna. Nel 2017 è diventato babbo e ha deciso di tornare a vivere nella sua città natia. Tra il 2019 e il 2020, ottiene alcuni riconoscimenti tra i quali “ Menzione al merito per il concorso Internazionale di Poesia Fëdor Dostoevskij” ed è “ Poeta Finalista del Concorso Internazionale di Poesia Il Federiciano”. Nello stesso periodo escono due sue raccolte di poesia intitolate Neurocidio e Il nulla, rispettivamente pubblicate con le case editrici Limina Mentis ed Europa Edizioni.

Luca Lanfredi – «Il coraggio necessario»

IL SEGNALIBRO

E come segnalibro, adesso,
lo scatto in posa della ballerina:
l’anello al dito indice, le vertebre
schiodate nell’arco di corpo chiuso.

Prima, ci si era solamente esercitati
a essere giovani, a dissetarsi, a
assolversi.

Come quando si ascolta recitare
versi in una lingua che non ci appartiene:
si canta il suono,
si vive l’impazienza.


*


FINE D’ANNO

E siamo anche stati quel gesto mimato
di riaprire il cassetto, come se ne fosse
possibile l’idea.

Sono le mani che tracciano la storia:
un vicolo di cenni, un
cerchio, e tutto
il resto.


*


UNA JACQUERIE

Poi dici, «Siamo la guerra,
la leggenda, il segnale che abbassa
la frontiera, siamo il mare
come se non esistesse
e quel portarsi la memoria alla bocca».

La bandiera era quella: il pensiero
di un bene che accade.
Il sangue che tocca, un nome che chiama.


*


IV

Sulla riva i germani raccolgono gli sguardi
degli occhi disattenti, del successo.
Non ho mai detto di me: ho solo scritto.
Le dita quasi a incidere la balaustra.
….. Come mai? Come mai
………… è sempre tanto tardi?

Luca Lanfredi è nato nel 1964 e vive e lavora a Brescia. Ha pubblicato le raccolte Il coraggio necessario (Lamantica Edizioni, Brescia 2019) con prefazione di Mauro Germani e Il tempo che si forma (L’Arcolaio, Forlì 2015; secondo classificato al Premio Internazionale di letteratura Città di Como; finalista al Premio “Solstizio” per opera prima, Fondi) con prefazione di Giacomo Cerrai. Una breve silloge, A mezza luce, è apparsa in formato e-book nel maggio 2009 per Clepsydra Edizioni. Suoi testi sono ospitati sul sito del poeta Nanni Cagnone e apparsi su blog quali: Poesia di Luigia Sorrentino; Imperfetta Ellisse di Giacomo Cerrai; margo di Mauro Germani e Carteggi letterari.

Alessandra Corbetta – Inediti

Tratta I

La perlustrazione scalena delle carrozze
accerta la presenza di un assenso breve:
la striscia sul vetro si ripete
vagone dopo vagone. Il regime atroce del quasi
imperversa su polpastrelli e palpebre perché
tattile è il guardare un fondo cieco, ricercare
la biglia nella sabbia.

Siamo all’oscuro di tutto eppure
ci sentiamo al sicuro.



*


Tratta II

Non c’è stato tempo per capire
che il corpo dopo il fischio si fa lieve.
Il biglietto obliterato, la matita tra i capelli
o nelle tempie, dire perché e a te
che va la voce.

Ho provato a ridestare le ore,
disfarmi al contrario sopra un orologio.
Poi ho inseguito fin dove c’è stato spazio


*


Tratta III

Ci aspettavano da un’altra parte, due
ore prima, qualche minuto dopo.
Ci volevano mettere alla prova ma
ho corso da sola tutte le carrozze, ho
perso il fiato. E le gambe. Le braccia.
Qualcosa è esploso, qualcosa ha distrutto tutto.

Il sibilo è rimasto. A te. A me, la luce

Alessandra Corbetta (Erba, 1988) è dottore di ricerca in Sociologia della Comunicazione e dei Media e lavora come Adjunct Professor e Teaching Assistant presso l’università LIUC Carlo Cattaneo.
Ha conseguito un master in Digital Communication e uno in Storytelling. Ha fondato e dirige il blog Alma Poesia (www.almapoesia.it), con il quale ha anche curato la pubblicazione del volume Distanze obliterate. Generazioni di poesie sulla Rete (Puntoacapo Editrice 2021). Collabora con il blog spagnolo di letteratura e poesia Vuela Palabra, scrive per il giornale online Gli Stati Generali e per Rete55 conduce la rubrica “Poetando sul sofà”, dedicata a grandi autori della poesia italiana. La sua ultima pubblicazione in versi è Corpo della gioventù (Puntoacapo Editrice 2019). Sue poesie sono presenti in diverse antologie e tradotte anche su riviste straniere.

Riccardo Delfino – Inediti

A mia nonna.

Non consumare di pena
i tuoi incalliti contorni.
Sei dolcezza mutilata
dallo sterpo delle vertebre,
dal tumore dei giorni.


*


Era ottobre che la luce
si lasciava oltraggiare
dalla triste stagione.
E noi poco amati,
cresciuti d’ignavia come
cose di poco valore.
E sotto l’anfiteatro della
Dea fortuna, l’inerzia
del cielo; le sagome brevi
del nostro vangelo,
attecchirsi alla notte
per non fare gelo.


*


Abito il sintomo di una
febbre primordiale, la prima
ferita di questo franare;
l’adolescenza dell’oblio:
il muto dialetto di Dio.

Riccardo Delfino nasce a Roma il 28 settembre 2000. Inizia a scrivere dai suoi 11 anni. Nel 2012 vince il secondo posto al concorso leoni di ferro e il primo premio al concorso città di casoria “Le parole dell’anima”.  È un arbitro di calcio e studia filosofia all’università “La sapienza” di Roma.

Vernalda Di Tanna – Inediti

Nutrimento disumano

La distanza allatta ogni domanda,
spettina la pelle. E la tua lingua,
stiracchiata, sussurra una voce
disumana. Resta a galla una rete
spoglia d’acqua. Se ami il giorno,
rischi di fraintendere le stelle: il callo
della malinconia è la doppia
vita che sa fingere la nostalgia.


*


Croce e delizia

Disumano inganno un canto
semina nostalgia. È croce
l’insegna di ansiose
delizie che recano affisse
sulle vetrate le chiese
di campagna. Insistono
rossori tra i nodi:
spine, fiori tra i rovi.


*


Se mi arrivasse infame a terra
un alito di sera, la conferma
del tuo odore appena colto –
in una scusa buia, nuda carezza –
ci gonfierebbe i cuori come cupole.
Ma non è luce in me che non ti grida:
sbalordisci la pelle e distogli
l’attesa dalla promessa intuita.
I frutti a terra e la luce che li irradia.

Vernalda Di Tanna (Vasto, 1997), laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti, è studentessa di Filologia Moderna. Nel 2017 riceve il Premio poeta emergente alla XXV edizione del “Concorso nazionale Scriveredonna”, organizzato dall’associazione Tracce di Pescara. È presente nell’antologia Alessandro Quasimodo legge I Poeti Italiani Contemporanei. Vol. 1 (Aletti Editore, 2018), con un testo che è stato anche interpretato dalla voce di Alessandro Quasimodo (https://www.youtube.com/watch?v=qbf3cr7a7r4). Dal 2019, è redattrice del lit-blog Laboratori Poesia. Suoi inediti sono apparsi su riviste e blog, tra cui clanDestino, Interno Poesia, Poetarum Silva e laRepubblica – Milano (per la Bottega di poesia, a cura di Maurizio Cucchi), Inverso – Giornale di poesia.

Marco Colonna – «Radici»

Albe

Così attecchisci
al cielo come pietra


vi si inciampa
nel cercare un segno
quando Luce si risveglia


ed i pensieri cupi schiara
nel saperti immobile presenza


vita che resta oltre noi
prima di noi in quel groviglio che
alle radici di linfa sazia sottoterra.



*


Giorno

Una fibbia di sole
a stringere i sogni
nel cammino


sulla pelle del cielo
melanomi sguardi malati


e nella strada sassi
in dormiveglia rimangono.



*


Giorni

Nel sole che trapassa
lo sguardo che si incurva
nel respiro di insoluti


in noi scarnificato
il senso del passaggio


portiamo il segno
di risposte nella pelle


la polpa di parole
nel tempo ingurgitate


nel giogo del passato
che ci stringe


teniamo vivo l’urlo
che guarisce
malattia.



*


Notte

Non ci resta che scolpire
il buio, farne spigoli di luce,
cedere allo spazio i nostri resti


sono macerie invisibili
sono carne che s’è fatta verbo
parole che abitano silenzi.


L’abominevole sapere
dell’Uomo nella voce


le foglie non sanno
e il prato che le accoglie
se cadute le culla nella quiete.


L’incombenza della vita
ingranaggio che macina
trattiene, annega, spezza,


ci salva il farci piccoli granelli
di sasso, di gomma, di vento.

Ci dicevi:
non dai frutti vi riconoscerò
ma dall’acqua alle radici.



*


Notti da spoetare

Notti da sbriciolare
col rastrello dei morti


stelle da ardere
sull’altare dell’ovvio


e lune che seminano
parole che sgermogliano.



*


Risvegli

Conservare l’intreccio
nel bicchiere della nostra mente
farlo pieno sino all’orlo


trattenere il respiro
e ascoltare apnee
di vita vegetale.


Qui non sbocciano più
lì un fiorire di urla microscopiche
gli assenti giganteggiano.


Nostre le pupille
Tua la luce superstite
che il Mondo mette a repentaglio


Tuo il respiro nostro
pietra da filare gravità
del lieve fardello quotidiano


non è polmone
se non serve al salvamento
e ci sei Tu nella sua linfa.

Marco Colonna ha pubblicato i libri Ani+ma (FaraEditore, Rimini, 2016), S̶i̶a̶m̶o̶ Sono (FaraEditore, Rimini, 2017, ristampa 2018 con introduzione di Angelo Bergamini, fondatore di Kirlian Camera) e Ho scritto questo salto (FaraEditore, Rimini, 2019). Ha pubblicato poesie nelle antologie: L’orizzonte delle metafore (Edizioni Tracce, Pescara, 2018); La responsabilità delle parole (FaraEditore, Rimini, 2018) e A tu per tu-Nel segno del dialogo (FaraEditore, Rimini, 2020); nelle antologie poetiche del Centro di cultura e spiritualità cristiana Salvatore Zuppardo, edizioni Gela, 2017, 2018, 2019 e 2020 (Cesvop, Palermo); e nelle antologie: 100 Thousand poets for Change Rome (Roma, PaPrint-LibrItalia Edizioni, Roma, 2019) e Sorrisi sottopelle (LibrItalia Edizioni, Roma, 2021).